CHE COS'È IL CBDA

By B Gardner on

In precedenza considerato un cannabinoide minore in termini di profilo cannabinoide complessivo, grandi quantità di CBDA recentemente è stato dimostrato che esistono in alcuni ceppi ruderalis, così come in ibridi come Cannatonic C-6 e ACDC. I livelli di CBDa trovati in questi ceppi e ibridi, infatti, sono potenzialmente più alti dei livelli di THCa. Decarbossilata se riscaldata, CBDa diventa CBD allo stesso modo in cui il THCa diventa THC e non è psicoattivo. La ricerca lo ha dimostrato CBDA dimostra effetti antiemetici (riduce vomito / nausea) e antiproliferativi (limita la crescita delle cellule tumorali) - in altre parole, una scelta ideale per combattere gli effetti del cancro. Inoltre, il CBDa è anche un antinfiammatorio (riduce l'infiammazione) che possiede proprietà antibatteriche.

POTENZIALI BENEFICI TERAPEUTICI
• Antibatterico: inibisce la crescita dei batteri.
• Antiemetico - Allevia il vomito e la nausea.
• Antinfiammatorio - Funziona per ridurre sistematicamente l'infiammazione.
• Antiproliferativo - Aiuta a limitare la crescita delle cellule tumorali.

RICERCA IN CORSO
Le proprietà antibatteriche di CBDA sono stati studiati da Leizer et al in un rapporto pubblicato nel 2000, in cui hanno discusso l'idea che livelli maggiori di CBDa in una pianta indicano una maggiore potenza antimicrobica nel CBD che risultati.
Rafforzare i risultati di un rapporto del 2011 che ha discusso la funzione di CBDA come antiemetico, uno studio del 2013 pubblicato da Bolognini et al indica che il CBDa inibisce il vomito e la nausea attraverso il processo di incitamento all'attività del 5-HT1A. Questo è potenzialmente un uso medicinale molto utile per CBDA, e si spera che verranno condotte ulteriori ricerche per esplorare i possibili usi.
Lo hanno scoperto due studi separati, pubblicati rispettivamente nel 2013 e nel 2014, condotti dagli stessi ricercatori CBDA tratta efficacemente sia la nausea anticipatoria che la nausea acuta nei pazienti chemioterapici.
In uno studio finanziato dal governo del 2012, Takeda et al hanno scoperto che il CBDa condivideva gli effetti antiproliferativi trovati in molti altri cannabinoidi, come il THC e CBD. Lo studio, che lo ha scoperto CBDA potrebbe limitare la diffusione di cellule di cancro al seno umano, segnalato anche il potenziale di questo particolare cannabinoide di essere efficace anche con forme di cancro più aggressive. Questa è la prima volta che si riconosce che un componente di una pianta di cannabis possiede questo tipo di valore contro la diffusione di cellule cancerose aggressive.

 

Cannabinoidi CBD OLIO DI CBD OLIO DI CBD IRLANDA DEL NORD PASTA DI CBD IRLANDA EFFETTO ENTOURAGE CBD A SPETTRO COMPLETO PASTA DI CBD CRUDO

Newer Post →